da sapere

Retronebbia

Come utilizzarli al meglio


Piccolo vademecum al corretto utilizzo dei fari retronebbia; Riconoscere il simbolo, quando accenderli e soprattutto quando spegnerli per non mettere a rischio la visibilità di chi ci segue ed evitare sanzioni fino a 335,00 €

Il retronebbia è molto utile in condizioni di bassa visibilità, ma bisogna farne un uso intelligente. Vediamo cosa dice il Codice della Strada e quali sono le multe. È importante anche riconoscere il simbolo fendinebbia

Faro retronebbia: cos’è

La luce posteriore per nebbia, ovvero il cosiddetto retronebbia, è un fanale posizionato nella parte posteriore di un veicolo e serve a segnalarne la presenza ai mezzi che sopraggiungo da dietro quando le condizioni atmosferiche sono particolarmente insidiose. È di colore rosso.

I fari retronebbia si accendono solo se sono accesi gli anabbaglianti, in questo modo si ricorda al guidatore di accendere gli anabbaglianti nel caso se ne fosse dimenticato.

I fendinebbia posteriori sono molto importanti per la sicurezza di guida e in Italia, così come in molti altri paesi europei, è obbligatoria la loro presenza nei veicoli di nuova immatricolazione.

Retronebbia: Codice della Strada

Quante volte ti è capitato di guidare in una leggera foschia e trovare davanti a te una macchina con il retronebbia acceso? È fastidioso, vero? Molte persone abusano di questo fanale e non sanno in quali casi è consentito accenderlo.

Secondo quanto indicato nel Codice della Strada, si possono usare i fendinebbia posteriori solo in questi casi:

  • visibilità inferiore ai 50 metri;

  • pioggia intensa;

  • fitta nevicata.

Retronebbia: quando usarli

I fendinebbia posteriori vanno accesi solo quando è strettamente necessario, poiché possono abbagliare o disturbare altre persone alla guida.

Oltretutto, il colore rosso acceso dei fari retronebbia potrebbe anche fare pensare a chi sta dietro ad una forte frenata di chi sta davanti, anche perchè alcuni veicoli montano addirittura 2 retronebbia. Il guidatore potrebbe reagire con un brusco arresto del mezzo e il rischio di tamponamento aumenterebbe.

Ecco perché i fendinebbia posteriori possono essere utilizzati solo quando la visibilità è inferiore a 50 metri, di conseguenza anche la velocità massima va ridotta e tenuta sotto ai 50 km/h. Va invece aumentata la distanza tra i mezzi e bisogna avere l’accortezza di spegnere l’antinebbia quando ci accorgiamo di avere un veicolo subito dietro al nostro.

Ovviamente non è possibile misura la distanza esatta tra noi e i mezzi che abbiamo dietro o davanti… Nelle situazioni che creano dubbi, il consiglio è questo: se riesci a vedere le luci di posizione dei veicoli davanti a te, plausibilmente non è necessario che tu accenda l’antinebbia.

Fari retronebbia e uso sbagliato: le multe

Non esiste un obbligo per quanto riguarda l’accensione dei fendinebbia posteriori, vanno invece usati con molto buon senso tenendo presente quanto siano potenti e quanto disturbino la vista. Lo abbiamo appena detto.

In ogni caso, un utilizzo sconsiderato delle luci posteriori per nebbia è passibile di sanzioni che vanno da 84 € a 335 €.

Ricorda anche tu di non usarli con leggerezza.

Retronebbia: il simbolo


Avrai sicuramente visto questo simbolo fendinebbia tra i comandi della tua macchina: rappresenta proprio i fendinebbia posteriori.

La spia dei retronebbia è di colore giallo e, quando è accesa, è ovviamente acceso anche il faro retronebbia.

Fonte: 6sicuro.it